VIAGGIO NELLE MARCHE: SCOPRIRE LA BELLEZZA DI URBINO

Nel mio breve viaggio tra San Marino e le Marche ho scelto di visitare in giornata Urbino, piccola città italiana ricca di monumenti e di opere d’arte.

Le strade tortuose tra morbide colline verdi hanno allietato il tragitto.

DSC_1150 (1024x683)
Lungo la strada

In alcuni momenti, quando i raggi del sole spuntavano dalle nuvole, mi sono fermata a scattare estasiata qualche foto. L’orizzonte era davvero spettacolare nonostante la pioggia.

DSC_1144 (1024x683)
Raggi di sole
DSC_1145 (1024x683)
Paesaggio marchigiano

CENTRO STORICO E MONUMENTI

Urbino sorge su una collina ed è circondata da una cinta muraria. Mi sono ritrovata a camminare col naso all’insù tra piccole e ripide strade delimitate da edifici in pietra arenaria, in quello che è un eccezionale complesso urbano.

DSC_1152 (682x1024)
Centro storico
DSC_1158 (683x1024)
Antico portone
DSC_1154 (1024x767)
Simpatico negozio di artigianato e non solo

Il grande mecenate Federico di Montefeltro trasformò Urbino in una magnifica corte, oltre che un centro dove la cultura umanistica rinascimentale italiana potesse esprimere il meglio di sé, grazie ad artisti quali: Piero della Francesca, Francesco di Giorgio Martini, Leon Battista Alberti, Girolamo Genga e molti altri.

Duca di Montefeltro
Federico di Montefeltro

Il piccolo centro racchiude gli edifici della Urbino rinascimentale: l’ex Monastero di Santa Chiara, il Mausoleo dei Duchi nella Chiesa di San Bernardino, la Chiesa di San Domenico, palazzo Boghi.

DSC_1165 (1024x792)
Chiesa di San Domenico

Assolutamente da visitare il Palazzo ducale, oggi sede della Galleria Nazionale delle Marche, dove sono conservati alcuni capolavori della storia dell’arte. Il palazzo è molto grande con sale ampie e appartamenti più piccoli.

DSC_1172 (1024x711)

DSC_1173 (1024x683)

Nella Piazza Duca Federico si può ammirare il Duomo, la chiesa principale della città e poco più avanti la Chiesa di San Domenico.

DSC_1161 (683x1024)
Facciata del Duomo
DSC_1164 (1024x747)
Il Duomo di Urbino, Piazza Duca Federico
DSC_1167 (683x1024)
La cappella della Concezione

LA STORIA

Urbino è stato uno dei centri più importanti del Rinascimento italiano, di cui conserva appieno l’eredità architettonica.

La città ha origini antichissime, ma è con Federico da Montefeltro, nel secolo XV, che raggiunse il culmine della sua importanza culturale, artistica e politica. In circa un ventennio venne costruito il grande Palazzo Ducale, dove artisti e uomini colti di ogni parte vennero accolti per contribuire alla crescita culturale di questo luogo.

Palazzo Ducale - ingresso alla Galleria
Palazzo Ducale – ingresso alla Galleria Nazionale delle Marche

Gli anni di splendore alla corte continuarono anche quando il potere passò a Guidobaldo e alla moglie. In questo periodo si affermò il genio artistico di Raffaello.

Nel 1860 Urbino entrò a far parte del Regno d’Italia assumendo sempre di più il ruolo di città degli studi universitari. L’università fu fondata nel 1506, ed è una delle più antiche d’Europa. La sua nascita risale al Ducato di Urbino, retto da Guidobaldo da Montefeltro.

Dal 1998 centro storico di Urbino è patrimonio dell’umanità UNESCO.

Fontana in Via Bramante
Fontana in Via Bramante

COSA MANGIARE

La pausa pranzo oramai a metà pomeriggio non mi ha permesso di mangiare in una trattoria tipica, ma comunque c’è stata la possibilità di assaggiare qualcosa di particolare. Una bella piadina con pasta crescia sfogliata di Urbino, che non vi lascerà sicuramente affamati. Si tratta di una pasta fatta con farina, uova, acqua, strutto, sale e pepe. Solitamente si mangia calda con salsiccia, erbe di campo, prosciutto, lonza o formaggio. Una vera delizia, meglio se accompagnata con birra artigianale.

Urbino… piccola città… si presta per essere visitata in una giornata, lasciandoti a bocca aperta per la sua concentrata bellezza storica.

Annunci

BREGANZE: XXI EDIZIONE “PRIMA DEL TORCOLATO”

Ogni anno la terza domenica di gennaio si celebra a Breganze la “Prima del Torcolato”, un evento enologico che celebra la specialità dolce del Vicentino, il vino passito Torcolato DOC.

Il vino nasce dalle uve di Vespaiolo che vengono raccolte ad inizio vendemmia, per essere poi attorcigliate e appese ai soffitti a seccare, in attesa di essere spremute in gennaio.

Quello che si ottiene è un vino un eccellente colore dorato caldo e gusto dolce-non dolce e rotondo, piacevolmente persistente.

La giornata propone vari eventi: attività di degustazione, spettacoli di cabaret, balli, nomina dei nuovi confratelli della Magnifica Fraglia, il titolo di Ambasciatore del Torcolato nel Mondo per il nuovo anno, visita alla torre “Diedo” e visita alle cantine con degustazione delle eccellenze enologiche.

Esposizione di prodotti tipici del vicentino
Esposizione di prodotti tipici del vicentino
DSC_1200 (1024x684)
Salami e tante altre prelibatezze

L’evento più significativo si è svolto alle 17.00, prima del tramonto, con la spremitura dell’uva passita vendemmia 2015. Il mosto è stato offerto al pubblico come segno augurale.

DSC_1193 (1024x561)
L’avvio della spremitura
DSC_1195 (1024x708)
La spremitura a mano

Per l’occasione ho deciso di partecipare alla visita guidata sulla torre Diedo con degustazione di Torcolato ad alta quota, pagando 5 euro.

DSC_1197 (683x1024)
La chiesa e il campanile del centro

Con i suoi 90 metri di altezza è la decima più alta torre campanaria di tutta Italia. Il campanile è stato inaugurato nel 1894, su progetto dell’architetto veneziano Antonio Diedo. L’accesso non è difficile, poichè si percorre una sequenza di rampe.

Durante la salita sono visibili le corde che governano le campane e l’affascinante meccanismo dell’orologio del campanile, realizzato nel 1906 dal fabbro meccanico Pietro Laverda.

DSC_1206 (1024x683)
La salita con vista dei cavi che muovono le campane
Il meccanismo antico dell'orologio
Il meccanismo antico dell’orologio

Giunti alla cella campanaria ci hanno accolto con una piacevole degustazione di Torcolato e qualche biscotto, per godere dello splendido panorama caratterizzato dall’alternanza di pianura, colline e montagne.

DSC_1212 (1024x683)
Al tramonto…
DSC_1214 (1024x683)
Degustazione di Torcolato ad alta quota

Le campane, che in origine erano 22, ora sono in tutto 14.

DSC_1209 (1024x683)
Le campane

Appena prima di iniziare la discesa le campane hanno iniziato a muoversi… già hanno iniziato a suonare! Non potevo crederci.

Sia in mattinata che nel pomeriggio, erano visitabili le cantine della zona, con offerta di degustazioni tematiche e intrattenimento musicale. Erano visitabili Ca’ Biasi, cantina Beato Bartolomeo, Col Dovigo e tante altre.

Il mio pomeriggio a Breganze si è concluso alla cantina Maculan, con vino abbinato a formaggi.

Cantina Maculan
Cantina Maculan
Prelibatezze da degustare
Prelibatezze da degustare

La visita guidata è stata molto piacevole, ha aperto le porte a quel misterioso e affascinante mondo della cantina.

Visita alla cantina
Visita alla cantina
DSC_1225 (1024x683)
Barrique
DSC_1226 (1024x683)
In cantina

Qui si produce vino dal 1947 unendo tradizione e innovazione. Ne derivano grandi vini esportati in tutto il mondo.

Il prossimo evento che consentirà di visitare le cantine sarà la Vespaiolona a giugno, manifestazione dedicata al vino della storica zona vitivinicola vicentina.

E voi l’avete mai assaggiato il Torcolato?

 

 

SAN MARINO, LA PICCOLA REPUBBLICA CON INTORNO L’ITALIA

Lo sapevi che dentro al territorio italiano c’è un piccolo stato chiamato San Marino? Il terzo paese più piccolo d’Europa?

San Marino sorge sul monte Titano, nella parte centrale dell’Italia, in un territorio compreso tra le Regioni Marche ed Emilia Romagna, vicino a Rimini e al mar Adriatico.

E’ uno luogo davvero molto affascinante, sia per la geografia che per la sua storia.

DSC_1098 (1024x720)
Statua in memoria delle vittime del bombardamento durante la II Guerra Mondiale

Per iniziare bene l’anno ci voleva subito un viaggetto in qualche località visitabile in 2 o 3 giorni, per cui la scelta è caduta su San Marino e Urbino (di cui parlerò nel prossimo post). Siamo partiti in macchina dal Veneto e in tre ore e mezza abbiamo raggiunto la città. Il meteo non è stato dei migliori, anzi il peggiore che mi potesse capitare. Ammetto che ero un po’ demotivata, poichè questa città sorge su un monte e una delle cose più belle che ti può regalare è una vista panoramica mozzafiato.

In realtà è stato un soggiorno piacevolissimo, fatto di storia, passeggiate, shopping e cibo; l’atmosfera che si è creata mi ha fatto davvero rimbalzare indietro nei secoli. Sembrava di essere in un luogo sospeso nel cielo. Mancava solo che spuntasse un drago volante dalle torri.

DSC_1132 (1024x683)

Le strade erano ancora molto affollate per il periodo festivo e il clima natalizio ancora vivo.

DSC_1106 (1024x683)
Addobbi natalizi sparsi per la città

 

DSC_1125
Un “piccolo” Babbo Natale

Per le strade c’era un sottofondo musicale e diversi artisti di strada.

DSC_1188
L’uomo delle bolle di sapone
DSC_1190 (1024x682)
Piccola orchestra

Alla fine, che ci sia sole, pioggia, nebbia, qualsiasi tempo meteorologico può rendere un luogo singolare e regalarti emozioni indimenticabili. La parte che mi è piaciuta di più di questo viaggio è stato sicuramente camminare per le stradine ripide e colme di storia, attraverso la vegetazione immersa nella nebbia, per giungere alle torri velate da un alone di mistero, tipico dei castelli antichi.

DSC_1133 (1024x702) (2)
Una delle torri immerse nella nebbia

DOVE MANGIARE

La prima sera abbiamo cenato nei pressi del nostro B&B alla trattoria I cacciatori a Sassofeltrio nelle Marche, in provincia di Pesaro e Urbino. Qui si possono degustare primi piatti casalinghi abbondanti e carne ai ferri. Un po’ difficile da raggiungere con la nebbia fitta della sera.

Una breve sosta, con cappuccino e fetta di crostata alla marmellata abbondante, l’abbiamo fatta da Hocus Pocus. si trova fuori dal centro più affollato di San Marino, lungo il cammino sulle mura che conduce alla seconda torre in cima al Monte Titano. Il locale si è rivelato buono, economico, con personale molto gentile.

L’ultimo giorno abbiamo pranzato nel centro storico al ristorante Da Pier, dove abbiamo scelto un menù di carne. E’ un luogo frequentato da turisti, per cui c’è un po’ di confusione e il servizio è risultato frettoloso.

CENTRO STORICO E MONUMENTI

Il centro storico è una città murata sopra una collina, con pittoresche strade che conducono fino alle tre torri, raggiungibili attraverso sali e scendi. Quindi è necessario essere muniti di scarpe comode.

DSC_1110 (1024x683)
Il sali e scendi del centro

Le strade principali sono colme di negozi, dove poter acquistare occhiali, orologi e profumi a buon prezzo.

DSC_1114 (1024x683)
Alcune vie dello shopping
DSC_1137 (1024x683)
Il centro di sera

Potrete visitare il Palazzo Pubblico, la basilica di San Marino, la chiesa di San Francesco e la pinacoteca-museo del XIV secolo, la chiesa di San Pietro, il Museo di stato, il Teatro Titano. Inoltre sono visitabili due delle tre torri.

DSC_1105 (646x1024)
Particolare in Piazza della Libertà

Uscendo dalle strade strette si giunge in diverse piazzette dove sostare per affacciarsi e capire meglio la struttura della città. Ovunque tu diriga lo sguardo puoi godere della bellezza storica, architettonica e naturalistica del luogo.

DSC_1104 (1024x683)
Vista sui tetti del centro storico
DSC_1085 (1024x683)
Le mura lungo il cammino
DSC_1121 (1024x664)
Il campanile

La città possiede una funivia che la collega con Borgo Maggiore.

LA STORIA

La Repubblica di San Marino ha una storia molto antica. Le origini di questo paese sono legate al culto di una santo, un tagliapietre che nel 257 d.C. salì sul Monte Titano e fondò una piccola comunità di cristiani, perseguitati per la loro fede al tempo dell’Imperatore Diocleziano. Attorno a lui nel 301 d.C. si formò la prima comunità della Repubblica.

Il 7 luglio 2008 i centri storici di San Marino e di Borgo Maggiore, insieme al Monte Titano, sono stati iscritti sulla lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Il valore universale attribuito alla Città-Stato è di costituire la testimonianza di una civiltà vivente, che ha sviluppato un libero percorso democratico attraverso le proprie istituzioni.

DSC_1090 (1024x683)
La Cava dei Balestrieri

COME RAGGIUNGERE SAN MARINO

In Auto
Autostrada A14 Bologna-Ancona; uscita dal casello Rimini Sud – Superstrada Rimini-San Marino SS72
Autostrada A14 Bologna-Ancona; uscita dal casello Rimini Nord – SP “Marecchiese” n° 258

In Treno
Stazione ferroviaria di Rimini (con autolinee da Rimini a San Marino) www.trenitalia.com 

In Autobus – Linea San Marino – Rimini
Fratelli Benedettini spa Via Ovella, 13 – Borgo Maggiore
Tel. 0549 903854 – Fax 0549 90635

In Aereo
Aeroporto “Fellini” Rimini-San Marino a 27 km
Aeroporto “L. Ridolfi” Forlì a 72 km
Aeroporto “G. Marconi” Bologna a 132 km

DOVE DORMIRE

Prenotando da un giorno all’altro su Tripadvisor, le scelta è caduta su un fantastico B&B, che si trova appena fuori dal territorio di San Marino.

Il B&B Il sentiero dei Goti è una casa accogliente immersa nel verde delle colline di Monte Grimano nel Montefeltro, raggiungibile in macchina. Un luogo di recente apertura, situato in un contesto stupendo, sulle colline che si affacciano alla Repubblica di San Marino.

Una piacevole vista dal B&B Il sentiero dei Goti
Una piacevole vista dal B&B Il sentiero dei Goti

Ideale per chi vuole rilassarsi e avere a pochi chilometri di distanza le terme, tanti luoghi storici da visitare oppure la possibilità di scegliere attività sportive legate alla natura. I proprietari sono molto ospitali e la colazione è abbondante.

San Marino è visitabile in giornata, per cui se siete in vacanza nei pressi di Rimini vale veramente la pena farle visita.